Garfagnana Dream



Il nuovo biglietto da visita digitale della Garfagnana.

Far conoscere una terra, incuriosire informando su bellezze e attività da svolgere. Una piattaforma dinamica creata seguendo le più innovative tecniche di social e destination management. Tutto questo è www.garfagnanadream.it, un progetto nato dall'idea di un gruppo di giovani esperti di comunicazione digitale e innamorati della loro terra.

Ne parliamo con Alberto Pellegrinetti, uno dei fondatori e membro attivo del team che, con passione ed entusiamo, ha risposto alle nostre curiosità.

Come spesso accade una passione diventa un progetto professionale. Tre anni fa prende forma l'idea di un video promozionale per la Garfagnana, da qui inizia una raccolta enorme di materiale che porta all'evoluzione del progetto. Alberto e gli altri protagonisti di questa storia decidono di impiegare tempo, energie e passione per la creazione di qualcosa che fino allora non esisteva in valle.

Nasce così Garfagnana Dream, un portale di promozione della Garfagnana basato su contenuti multimediali di alta qualità, una gestione professionale del social e una forte attenzione al turismo esperienziale. L'obiettivo è la promozione della Garfagnana partendo dalle sue bellezze territoriali così da raggiungere un pubblico ampio, incuriosirlo e portarlo a sceglierla come meta di viaggio.

Elemento fondamentale che rende Garfagnana Dream una realtà molto innovativa per il territorio è la gestione social, professionale, portata avanti tramite la pubblicazione di contenuti sempre nuovi e creati in chiave attrattiva per un ampio pubblico.

La squadra è composta di giovani nati e cresciuti in Garfagnana, ragazzi che credono nella splendida unicità di questa terra millenaria. Il progetto è in rapido sviluppo, il portale si arricchisce ogni giorno di contenuti e nuove possibilità d’interazione. La chiave è sempre la stessa, far conoscere la Garfagnana come destinazione nella sua totalità per poi promuovere le attività e le strutture del territorio.

Un progetto proiettato nel futuro del quale la valle e la montagna avevano bisogno.

Clicca qui!




Data Pubblicazione: 16/11/2020

Archivio Notizie