5 - Le Stagioni per le Escursioni

Manuale dell'Escursionista



L'escursionismo può essere praticato tutto l'anno. Un monte innevato in pieno inverno o un campo fiorito in primavera hanno ugualmente un loro fascino.

 

Sicuramente la stagione prediletta per l'escursionismo è la primavera, quando le giornate sono più lunghe, la temperatura non è elevata e la natura è rigogliosa e fiorita.

In primavera è ideale fare escursioni tra le colline o sul litorale, lasciando l'alta montagna alla stagione estiva, quando anche in alta quota le nevi si saranno sciolte e le temperature sono più elevate.

In estate, per sfuggire dal caldo della pianura, ci si può rifugiare in montagna ed approfittando delle lunghe giornate si possono percorrere anche sentieri più lunghi, magari anche di più giorni approfittando delle aperture giornaliere dei Rifugi (durante il resto dell'anno solitamente sono aperti solo nei fine settimana).

 

Anche in autunno si possono fare bellissime escursioni. La temperatura comincia a calare ed i boschi si colorano delle splendide tinte autunnali. In inverno invece le escursioni si svolgeranno su sentieri più brevi e l'equipaggiamento richiesto è maggiore: vestiario più pesante, mantella per ripararsi dalla pioggia, racchette da neve per i percorsi innevati o ramponi per quelli ghiacciati.

 

L'escursionismo ha quindi il suo fascino durante tutte le stagioni, l'importante è prestare in ogni occasione la massima attenzione e rispettare la natura.