Il Cipresso

Scheda Flora



Nome comune:Cipresso
Nome scientifico:Cupressus sempervirens
Famiglia:Cupressaceae
Ordine:Pinales
Classe:Pinopsida
Altezza:25 - 30 m
Il Cipresso Foto di Massimo Lavacchi
Foto di Massimo Lavacchi

Il cipresso è un albero sempreverde diffuso in tutte le regioni del mediterraneo orientale. 
In Toscana è molto diffuso il cipresso comune, la cui introduzione sembra risalire ai tempi dei Fenici. 
Con la bellezza della sua chioma stretta e colonnare, che termina in una punta e il portamento della sua altezza (25-30 metri), il cipresso ha contribuito alla caratterizzazione del paesaggio toscano. Il cipresso è infatti presente dal litorale tirrenico alle zone collinari interne. 

Forse non tutti sanno che esistono due varietà di cipressi: 
"pyramidalis" (detto erroneamente cipresso maschio) caratterizzato dai rami molto aderenti al tronco tali da formare la caratteristica chioma affusolata 
"horizzontalis" (detto erroneamente cipresso femmina) con rami inseriti nel tronco quasi ad angolo retto e spesso disposti in palchi ben distinti. 

La corteccia del tronco è di colore grigio-bruna; le foglie, piccolissime, sono di colore verde e squamiformi triangolari, disposte in serie sovrapposte e coprono completamente i rametti. 
Il cipresso è una pianta monoica, i coni maschili sono lunghi 3 mm, di forma ovale e di colore verdastro e si trovano sulla punta dei rametti, i coni femminili invece sono di 3-4 cm di diametro, di colore verdastro che con la maturazione diventano prima rosso bruno scuro e poi grigio con squame legnose a forma di scudo. 

Il cipresso è importante anche per il rimboschimento dei terreni argillosi e rocciosi e per la sua funzione frangivento per la difesa dai venti marini. 

Per la robustezza e compattezza del suo legno, il cipresso, viene usato per la realizzazione di mobili, inoltre dai rametti e dai frutti vengono estratti oli dalle proprietà balsamiche.


Negli ultimi anni il cipresso è minacciato da un fungo parassita (Coryneum cardinale) che ne ha messo in serio pericolo la sopravvivenza.